bilanci-fine-anno

Tempo di bilanci: come tirare le somme di fine anno

Tempo di bilanci: come tirare le somme di fine anno.

bilanci-fine-annoCi avviciniamo alla fine di questo stravagante e turbolento anno e, se la maggior parte di noi in questo periodo è solito tirare le somme, chissà dopo tutto quello che abbiamo dovuto assistere, ne sentiamo ancora di più la necessità.

La fine dell’anno segna un passaggio tra qualcosa che finisce e qualcosa che inizia. In questi giorni di dicembre, ti sarai soffermato a pensare a ciò che è successo e cosa hai imparato; questo 2020 è stato un anno intenso, ricco di emozioni, buone o cattive, ma pur sempre emozioni.

Chissà “l’anno del lockdown” ti ha fatto trovare la tua strada, magari appartieni a quella categorie di persone che si è reinventata e che ha avuto la forza di andare avanti, chissà dal dolore e dalla sofferenza che ha potuto infliggerti, sei risalito dalle tue stesse ceneri, creando qualcosa di straordinario.

In fondo, ti sarai reso conto anche tu, che c’è sempre un modo per riafforire, più forti di prima.

Ogni cosa che accade nella vita ci da una grande opportunità se capiamo come usarla a nostro vantaggio.

Mettrere nero su bianco quello che hai fatto, ti rende più cosciente di ciò che sei e dove stai andando, quindi oggi scopriremo assieme come “tirare le somme”.

  1. Ritagliati del tempo per te

È estremamente importante che ti prendi un paio d’ore per te stesso, per riflettere su tutto quello che hai vissuto sulla tua pelle. Come sempre consiglio di effettuare questo tipo di esercizio all’aria aperta, in un parco, vicino al mare o a contatto con la natura. L’ambiente ci aiuterà a entrare più profondamente nei sentieri dei nostri ricordi.

  1. Ripercorri l’anno con la mente

Cosa hai fatto nei primi mesi dell’anno, che pensieri avevi? Che buoni propositi stavi portando avanti?

Ti sembra un’altra realtà, e lo era. Chissà ti viene in mente l’ultima volta che sei andato a una festa o ti sei riunito con i tuoi cari senza ristrinzioni, leggi nuove, quando un bacio e un’abbraccio per strada non erano visti di mal gusto.

Effettivamente è un’altra realtà, perché da allora, molte di quelle cose le hai dovute accantonare nei cassetti della memoria, ma sono pur sempre emozioni che ti hanno segnato. Non avere nostalgia o rimpianti. Torneranno o ci sarà qualcosa di meglio ad aspettarti.

Continuiamo a viaggiare. 

E passiamo a Marzo e la famosa quarantea, come hai reagito? Cosa è stato per te quel tempo? Che pensieri ti frullavano per la testa? Hai approfittato per creare qualcosa?

È primavera inoltrata e si torna liberi, una primavera che ci ha tenuto dentro e fatto fiorire con poca luce e senza contatti. Ma anche il fiore di loto cresce e risplende nel fango.

Hai portato nella tua vita dei cambiamenti? Sei stato coerente con tutte le promesse che ti eri fatto, chiuso in casa tua?

Un estate di corsa, pieni di incertezze, cambiamenti repentini, instabilità. Chissà hai imparato a vivere più nell’oggi, capendo che il futuro era come un cavallo selvaggio e indomabile. Chissà sei riuscito a viaggiare un po’, o hai esplorato di più il luogo in cui vivi, chissà ti è mancato qualcosa, ma allo stesso tempo, sono sicura che hai vissuto quel “post-quarantena” con un altro spirito.

Al galoppo, siamo giunti in un’altro inverno, e trottando, siamo arrivati qui: alla fine dell’anno.

  1. Applica la gratiduine.

Ora che abbiamo viaggiato con la mente per tutto questo 2020, annota tutto quello di cui ti senti orgoglioso di te, i passi che hai fatto, i successi ottenuti. Le esperienze che ti hanno fatto crescere e imparare qualcosa di te e degli altri.  Applica la gratidudine. Sicuramente molte persone hanno segnato questo anno: magari hai rinforzato alcune amicizie, perso altre, recuperato contatti con qualcuno che non sentivi da secoli. Chissà hai conosciuto qualcuno di nuovo. Sii grato per tutte queste persone.

Valorizza quello che hai, le possibilità che hai oggi e le porte che si sono aperte. Sii grato. 

E infine ringrazia te stesso. Perchè senza di te quest’anno non sarebbe stato unico.

Nel bene o nel male, quest’anno ti ha segnato, ma tu sei ancora in piedi, più forte di prima.

Con questa carica, vai e conquistati il nuovo 2021, perchè una volta che impari a navigare nella tempesta, sarai un professionista quando il mare sarà calmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *